.
Annunci online

  ilpertugio [ Tutto quello che immagini di trovare, ma molto meno. ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


IL SIGNA
THE UNBALANCED
AMICHE DEL GIN LEMON
SAFIN
MARCUS
SweetLove
CUP
RADIOGAS
RADIO PIFFERO E COOLPIFFERO

cerca
letto 40149 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


14 febbraio 2008

SIGNA BROS in concerto

 



27 aprile 2007

POTREI PIANGERE ANCORA...

La leggera brezza che entra dalla finestra mitiga un caldo di fine aprile primaverile che corre velocemente verso l'estate.
I pomeriggi nei parchi sono un'ottima maniera di impiegare queste giornate interlocutorie in cui riesplodono gli ormoni e rischiano di fare saltare tutte quelle certezze che l'inverno aiuta a creare. Dicono che l'amore spesso sia una bugia, e che mentirsi a vicenda non sia poi neanche quel peccato che apparentemente potrebbe sembrare.
Non hanno tutti i torti.
La corrente fa sbattere la porta della stanza qui accanto e mi stropiccio gli occhi.
I fiori inondano di polline l'aria. Si starnutisce parecchio. Quasi si muore, di starnuti.
I fazzoletti accompagnano gesta quotidiane, la mano li porta al naso, a volte appena sotto gli occhi. Esco ogni sera.
Mi ammazzo ogni santissima sera.
Poi, la mattina, tento di rinascere.
Le motivazioni cambiano, gli umori restano.
Finalmente organizziamo qualcosa di carino per stare insieme.
Finalmente usciamo dal nostro guscio. La cosa che ci tiene assieme e' il senso di collettivita'.
Da soli si muore anche se mai del tutto.
Tutto apparentemente sembra buono in questo istante.
Zanzara, presa!
Non avrete il mio piede. Lasciatemi scorrere il sangue.
Se mi si ferma quello, si ferma tutto.
E non e' ancora il momento.

QUESTO E' L'EDITORIALE di ROCKIT... che ringrazierò... tutto è musica.
Carlos




permalink | inviato da il 27/4/2007 alle 14:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 aprile 2007

We got news, ma non troppe

playlist di Mercoledì 18.04.07

Sigla Frank Zappa - We are not alone
Aterciopelados - Te juro que no
Heroes del Silencio - Con nombre de guerra
Enrique Bunbury - San Cosme y San Damian
Heroes del Silencio - En brazos de la fiebre
Andrés Calamaro - El punto argentino
Leningrad - www
Apulanta - Jumala
Jake Shimabukuro - Mrs Robinson
Mae muay thai - ONG BAK
Violadores del Verso - Basado en hechos reales
Hip Hop is dead - Nas
Ivàn Ferreiro - El viaje de Chihiro
Celesta - Maga
Jijiji - Los redonditos de la ricota
Rob Hubbard - Monty on the run

Ciao,
Carlos





permalink | inviato da il 18/4/2007 alle 14:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 aprile 2007

il rock è confusione mentale

In questo momento ti dico che e' come stare sospesi fra la Bugia e la Verita'. E' come se tutto, e dico tutto, fosse confuso e mutevole.

Una faccia che cambia continuamente i suoi tratti somatici. Un ciclo totalmente discontinuo di flussi opposti. Tutto si riduce all'alternarsi della corrente, e comunque vada porta con se' la sensazione di sentirsi fuori posto. Ad un certo punto dovro' pur crescere, no? Capire. Trovare la matrice. Siamo gente che punta al significato delle cose, certo. Ma non e' che possiamo solo violentemente subirle, queste cazzo di cose.

Mi sbaglio? Ho letto: "C’è un momento in cui non capisci bene, il momento dell’adolescenza, che e' centrale, un momento emotivo in cui si fanno i conti con la complessita' e la gerarchia dell’esistenza".

Sticazzi. Confusione genera confusione. Solitudine genera solitudine.

Non e' normale che stia qui a pensarti mentre tu sei da un'altra parte e so che non sono piu' il primo dei tuoi pensieri. Ho scoperto tutto e mi manca solo di accettarlo. Perche' non maturi? Perche' non mi dici tutto? La chiarezza non ha fascino ma perlomeno evita di dare fascino alla sofferenza. Invece forse tu sei di quel tipo che la sofferenza e' in fondo tutto quello che cercano. Sinceramente e' troppo.
 
Anche per chi ha accettato tutto di te nel nome di un Futuro comune.

Grazie a RockIT. sempre.

Carlos




permalink | inviato da il 17/4/2007 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


11 aprile 2007

IL PALAZZO DEI FIORI

Tanta Spagna e tanta Argentina, un po' di est - europa, Giappone quanto basta e una punta di Colombia... il tutto spolverato di Finlandia.

PLAYLIST del 11 Aprile 2007
        Frank Zappa- We are not alone
        Manà con Julieta Venegas - Vivir sin aire
        Heroes del Silencio - Iberia sumergida
        Heroes del Silendio - La chispa adecuada
        Fanfare Ciocarlia - Born to be wild
        Andrès Calamaro - Media verònica
        Enrique Bunbury - Hermosos y malditos
        Ken Hirai - Grandfather's clock   
        Leningrad - WWW
        Los Delinquentes - Loco hidalgo Caballero
        Muchachito Bombo Infierno - Serà mejor
        OBK - De que me sirve llorar
        Pignoise - Olvidame y pega la vuelta
        Alejandro Sanz (con Shakira) - Te lo agradezco pero no
        Maija Villkkumaa - Peltirumpu

Il pranzo è servito...

con atenciò,
Carlos




permalink | inviato da il 11/4/2007 alle 12:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 aprile 2007

Mercoledì 04.04.07

playlist della decima puntata del Pertugio.
sigla Frank Zappa - We are not alone
Los Delinquentes - La niña de la palmera
Pignoise - Te entiendo
Die toten hosen - The guns of Brixton (Clash cover)
Die toten hosen - Zehn kleine Jagermeister
Pereza - Mi enfermedad
Los Faboulos Cadillacs - Algo contigo
Attaque 77 - Western
Aterciopelados - Baracunatana
Ayumi hamasaki & Gackt - Itsuka no Merry Christmas
Babasonicos - Carismatico
Cidade Negra - Girasol
Javier Calamaro y Charly Garcia - Sweet Home Buenos Aires
Coti (con Julieta Venegas) - Tu nombre
Leningrad - WWW
Enrique Bunbury - Eres bellissima (A.Celentano cover)
Makke ... dalla Svezia.... - Warhawk

Tutto qua...
Ascoltatemi su www.radiogas.it dalle 16e30 alle 17e30 tutti i Mercoledì.
Ciao,
Carlos




permalink | inviato da il 4/4/2007 alle 10:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 marzo 2007

IL PERTUGIO

Prima per partire per la Germania, una perla di rara bellezza.

LA PLAYLIST del 28 Marzo 2007 ... è iniziata la primavera e il freddo
F.Zappa - We are not alone
Alejandro Sanz y Ricardo Arjona - Como olvidarte
Andrés Calamaro - Paloma
Los Autenticos Decadentes - La guitarra
Bubblegum Crisis - Konya wa Hurricane
Sui Generis - Cancion para mi muerte
Cidade Negra - Simples viagem
Coti Sorokin - Esta mañana
DDT - Born in USSR
Diva Gash - Galacticock
Julieta Venegas - Serenata sin luna
Kudai - Llèvame
La gossa Sorda - Senyor Pyrotecnic
Los Abuelos de la Nada - Asì es calor
Los Faboulous Cadillacs - Algo Contigo
Maija Vilkkumaa - Peltirumpu

Come al solito finisce tutto in Finlandia.

Ciao,
Carlos




permalink | inviato da il 27/3/2007 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


23 marzo 2007

SIAMO SUGGESTIONABILI

Dall'altra stanza sento cadere una bottiglia. Prima rotola, poi nel tragitto incrocia una sedia, poi cade.
E' un tonfo nel silenzio di questa casa sporca e vuota.
Tutti sono fuori nel bordello. Io sono dentro, altrettanto nel bordello.
Ogni posto e' una galera. Steso sul mio letto guardo il palazzo qui di fronte.
Oggi e' passato il padrone di casa a ritirare l'affitto e l'avrei maledetto.
Lui e le sue parole di circostanza di merda. Lo vedi dove mi fai vivere e lo sai quanto mi fai pagare?
E' il mercato, certo. Chissa' quanto costa il peacemaker che ti serve solo a trascinare il tuo culone in giro a riscuotere gli affitti.
Giro la testa e mi rivolgo altrove. Prima mi alzo, poi metto un disco adatto a coltivare pensieri di tristezza, poi mi distendo.
Muovo la bocca come si fa con lo sbadiglio, aiuta a pronunciare meglio le parole. Penso a quella sera.
Ti vedo prima sorridere, poi camminarmi incontro, poi salutarmi. All'inizio non ti riconosco. Poi capisco che sei tu, proprio tu.
Tu che sei stata regina per un po' dei miei pensieri stupendi, con la tua pronuncia aristocratica e il tuo tocco un po' ribelle. Metti uno stivale su una maglietta bianca molto larga.
Ti sei fatta crescere i capelli e questa volta non ti ho cercato io. E' una primavera assurda, piena di lividi e di speranze.
Sono nel ciclone e vediamo se sopravvivero' con le cose che rimangono al turbine. Intanto guardo fuori. Lo vedi?

E' un tempo che non si capisce.

ROCK IT




permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 15:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 marzo 2007

FA FREDDO E SONO LONTANO DA CASA...

C'è una perla in ogni angusto pertugio.
C'è un pertugio in ognuno di noi, ed una perla che ci dà valore.
Goditi la vita, dicevano, perchè è già più tardi di quello che pensi, e perchè... le cose vanno male anche quando sembra che tutto vada a meraviglia.
Playlist del 21 Marzo 2007 .. primo giorno di primavera
SIGLA --->Frank Zappa - We are not alone
Los Delinquentes ---> El abuelo Frederick
Enrique Bunbury ---> Apuesta por el rocanrol
Ayumi Hamasaki ---> Jewel
Cidade Negra & Lulù Santos ---> Sàbado a Noìte
Los Rodriguez ---> Hace calor
Ivete Sangalo ---> Berimbao Metalizado
La Oreja de Van Gogh ---> Dulce locura
Leningrad ---> Hujnja
Les Wampas ---> Rimini
Los Abuelos de la nada ---> Mil horas
Sui Generis ---> Rasguña las piedras
Virus ---> Wadu wadu
Xavier Naidoo ---> Und wenn ein lied
Alejandro Sanz ---> Te lo agradezco pero no (con Shakira)
Christian Castro ---> Azùl
Finisce tutto con la Finlandia, perchè inizia sempre tutto in Finlandia e perchè la Finlandia dà sempre grossissime soddisfazioni. 
Apulanta ---> Armo
Un bacio,
Carlos




permalink | inviato da il 20/3/2007 alle 16:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


16 marzo 2007

si te vas...

Chissà cos'è...




permalink | inviato da il 16/3/2007 alle 18:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile       



Ascoltami su Radiogas tutti i Mercoledì dalle 16e30 alle 17e30.

Ascolta RADIOGAS


IL SANGUE DI GIUDA
(M.Agnelli)

Sai quando tornerai io sarò già via
Senza un'idea
Vendendo roba tua
Riciclandomi
Restando vivo

Imparare a barare e sembrare più vero
Due miserie in un corpo solo

C'è solo sangue
Solo sangue dentro me
C'è solo sangue
Quando sai che sei fedele
A quello in cui non credi più

Vivere per non farsi del male
Poter vedere
Com'è non morire e non sentire
Cambiare idea

Con le labbra sul vuoto
La chitarra nel vuoto
Il mio cazzo inutile

C'è solo sangue
Solo sangue dentro me
C'è solo sangue
Nelle tue cosce in rovina
Quello che tu non sei

Guarire un po'
Sognare un po'
Amare un po'
Fallire un po'
Far male un po'
Mentirsi e poi
Tornare a sfamarsi un po'

C'è solo sangue
Solo sangue dentro me
C'è solo sangue
Solo sangue e non magia
Solo sangue e non magia

Solo sangue e non va via